Il blog è uno strumento molto pratico e veloce nella comunicazione. Purtroppo non posso ancora permettermene uno su un server mio (che vorrei in jsp), quindi questo è il mio blog principale, nel tempo portero' i post anche sul sito statico, in attesa di qualcosa che possa sentire veramente mio ;-)

10 novembre 2006

Ripristinare il servizio civile obbligatorio

Perchè non prendere esempio dai paesi che fanno meglio di noi?
In Svizzera non hanno abolito l'obbligo del servizio di leva, e come noi tempo fa hanno mantenuto la possibilità dell'obbligo di servizio civile.
Secondo me bisognerebbe reintrodurre l'obbligo del servizio civile, perchè è utile per la società, perchè avvicina maggiormente il giovane ai problemi sociali stimolandone la sensibilità e la propensione a "non fregarsene degli altri", instaurando un meccanismo a catena a lungo termine che apporta un miglioramento del senso civico della popolazione, e influisce quindi anche sulla vita sociale in generale.

Ecco un interessante articolo preso da Swissinfo


Il servizio civile per gli obbiettori di coscienza è stato introdotto in Svizzera 10 anni fa. Finora 15'000 persone hanno scelto questa via, quale alternativa agli obblighi militari.
In occasione dell'anniversario, la consigliera federale Doris Leuthard ha tracciato un bilancio positivo del servizio civile e ha avanzato alcune proposte di ulteriore sviluppo.

I 10 anni di servizio civile in Svizzera sono stati una storia di successo, che ha fatto dei vincitori da ogni parte, ha dichiarato la ministra dell'economia Doris Leuthard, a cui compete anche questo settore, nel corso di un incontro tenuto a Berna.

Il servizio civile ha liberato innanzitutto l'esercito e la giustizia militare dal dovere di criminalizzare gli obbiettori di coscienza, ha aggiunto la consigliera federale.

Oggi questo servizio è accettato dalla società e gli obbiettori di coscienza non sono più considerati dei fannulloni che cercano soltanto di schivare gli obblighi militari.


Solidarietà attiva
Il lavoro prestato dai giovani che scelgono questa via consente inoltre di colmare alcune lacune in ambito sociale ed ecologico in Svizzera.

Gli obbiettori di coscienza sono infatti chiamati a svolgere per 18 mesi attività di pubblica utilità, ad esempio in ambito di sanità, socialità, ambiente, aiuto umanitario e aiuto allo sviluppo (anche all'estero).

"Il servizio civile costituisce qualcosa di utile. Per questo motivo attira molti giovani", ha affermato la consigliera federale durante l'incontro, al quale hanno partecipato rappresentanti del mondo politico, dell'esercito, del settore sociale e anche alcuni obbiettori di coscienza.

Le attività svolte durante il servizio civile permettono di sviluppare uno spirito di solidarietà attiva e una coscienza collettiva presso i giovani. Rappresentano quindi una risposta utile all'individualismo e all'edonismo, ha sottolineato Doris Leuthard.

Miglioramenti possibili

La responsabile del Dipartimento dell'economia ha presentato alcune idee per migliorare ulteriormente la formazione di base, sviluppare i programmi prioritari di attività e trovare nuovi partner in campo ambientale.

A detta di Doris Leuthard, non occorre invece modificare le condizioni che regolano l'accesso al servizio civile, criticate da più parti negli ultimi anni. In particolare viene contestato l'obbligo per i giovani di sottoporsi ad un esame di coscienza, in cui devono dimostrare le loro convinzioni etiche.

"Una riflessione sulle proprie convinzioni morali e sul proprio rapporto con lo Stato non danneggia sicuramente lo sviluppo personale di un giovane", ritiene Doris Leuthard.

swissinfo e agenzie

1 Commenti:

Anonymous Anonimo ha scritto...

1. Il servizio civile obbligatorio fattelo tu, io preferisco lavorare e guadagnare ben di più di quella miseria che ti danno. Non sono d'accordo sul fatto che il servizio civile sia un mezzo per responsabilizzare le persone.

2. Non so se fidarmi di questo articolo, ma conosco molto bene il canton ticino (ci vado spesso in vacanza). Cmq oltre all'anno di leva, i cittadini svizzeri sono tenuti a fare periodicamente (ogni 4 anni mi pare) un corso di aggiornamento presso la caserma relativamente all'utilizzo delle armi. Questo fino a quando compiono il quarantesimo anno di età!

10:55  

Posta un commento

Links a questo post:

Crea un link

<< Home