Il blog è uno strumento molto pratico e veloce nella comunicazione. Purtroppo non posso ancora permettermene uno su un server mio (che vorrei in jsp), quindi questo è il mio blog principale, nel tempo portero' i post anche sul sito statico, in attesa di qualcosa che possa sentire veramente mio ;-)

09 luglio 2007

La copia illegale di software non è furto!

Da parecchio tempo le case discografiche e le società che speculano sui diritti d'autore trasmettono spot (spesso ingannevoli e fuorvianti) sulla pirateria informatica, paragonando "la copia" (senza specificare quella illegale) al furto di beni, come ad esempio il furto di un'auto.
A tal proposito ho trovato in rete una metafora che spiega bene la differenza tra i due casi:

Il furto, detto anche sottrazione di beni, comporta che il proprietario venga privato del possesso o della possibilità di godere del bene sottratto.
La copia invece, è la moltiplicazione dei beni senza sottrarre l'originale, già usata, probabilmente per la prima volta, da Gesù per moltiplicare pani e pesci, e che nessuno si è mai sognato di contestare.
E' come se i fornai e i pescatori volessero denunciare Gesù per i presunti mancati introiti causati dalla moltiplicazione dei pani e dei pesci.

Che dire... andate e diffondete il Verbo!

1 Commenti:

Anonymous Anonimo ha scritto...

l'arte è di tutti perchè è genio dell'umanità.
Le case discografiche la privatizzano non per il bene dell'artista ma perchè l'artista è , al pari di chi fruisce dell'arte, una vacca da mungere.
quando un artista è bravo ma non commerciale lo lasciano morire di fame.
Copiare per tangere l'arte non è furto. Per guadagnarci sopra, sì.

00:31  

Posta un commento

Links a questo post:

Crea un link

<< Home